Home Pecoreccio d'Autore Tanano: parte produzione casco integrale biocontenitivo e biologico

Tanano: parte produzione casco integrale biocontenitivo e biologico

La Tanano, azienda leader nel mondo specializzata nel riciclo dei materiali plastici, ha realizzato uno speciale casco biocontenitivo dal prezzo estremamente basso. Blocca tutti i virus compresa la suocera sdentata.

44
0
0
(0)

L’azienda giapponese Tanano si è riconvertita per fronteggiare al meglio l’epidemia globale di Coronavirus, mettendo in produzione uno speciale casco integrale realizzato sfruttando anche le nanotecnologie.

L’azienda, con sede nella Prefettura di Chiba, ha costruito questo casco dopo anni e anni di studio del comportamento delle bertucce di Gibilterra. Queste scimmie rubano spesso ai turisti le banane ma soprattutto i caschi di coloro che frequentano quei posti spostandosi in motorino.

Gli ingegneri della Tanano hanno sviluppato così un particolare tessuto intrecciato in polipropilene misto a fibra di buccia di banana inconsapevolemente masticata dalla bertuccia di Gibilterra. Questo tessuto è particolarmente filtrante, leggero, atossico e polifunzionale adattato.

Il casco, che pesa solamente 480 grammi, ha una visiera integrata in kevlar. Indossando il casco, si ha la totale garanzia di isolamento diurno e notturno. Inoltre, le voci delle persone circostanti vengono modificate per renderle più piacevoli.

La produzione è fissata in 100.000 pezzi al giorno e la consegna è garantita in tutto il mondo, compatibilmente con la situazione pandemica. Il prezzo parte da 41.200 Yen (circa 350 Euro). Fra i tanti accessori, vi segnalo la cannuccia in Tarmac, in pieno stile F1, e la possibilità di visualizzare l’orario dei treni con il tastierino interno corneale. Con un sovrapprezzo di 50 Euro, la Tanano include nella spedizione una barella Biocontenitiva.
Per contatti e info: https://www.tananoindustries.jp.

Ti è piaciuto questo articolo?

Clicca sulla stella per giudicarlo!

Rating medio 0 / 5. Conteggio voti: 0

Ancora nessun voto! Dai, vota tu per primo! È gratis 😉

Precedente articolo911 Turbo S 2020: come funziona l’aerodinamica attiva Porsche
Prossimo articoloCome copione morto mercato auto in Italia a marzo
Sono un Divulgatore automobilistico e di F1. Scrivere di auto è liberatorio per me. L'automobile è Piacere, Passione, Libertà. Mi piacciono Marche di auto ben precise quali Porsche, Audi, Mercedes-AMG, Mercedes-Benz, Lamborghini. Aborro l'auto che guiderà da sola. Credo nell'Amore che non ha fine e in certe Passioni travolgenti.