Il tema della Golf 8 comincia a diventare bello caldo considerando che la nuova berlina compatta giunta alla ottava generazione arriverà sul mercato a febbraio 2020 (di sicuro in Germania).

Stando a quanto vi avevo scritto a fine aprile scorso, Juergen Stackmann di Volkswagen, aveva dichiarato che il lancio della nuova Golf 8 è previsto per la nona settimana del calendario 2020. Questo significa che ci riferiamo alla settimana che comincia il 24 febbraio, per la precisione.

Vi ricordo inoltre, che il giornale tedesco Der Spiegel ha indicato come quest’anno saranno prodotte solamente 10.000 nuove Golf 8 al posto delle 80.000 previste inizialmente. Questo è dovuto al ritardo da imputare ai problemi di sicurezza sorti in merito al nuovo software montato nella Golf.

Disegno ufficiale VW della Golf 8.

Interni: Rivoluzione minimalista

Durante l’assemblea annuale degli azionisti, VW ha rivelato alcuni interessanti dettagli degli interni della nuova compatta. Le foto spia pubblicate dal sito CarScoops mostrano un radicale cambiamento della plancia e della consolle centrale nel segno di una rivoluzione minimalista.

Si notano subito i due schermi dalle generose proporzioni: il primo, dietro al volante, è quello della strumentazione digitale (evidenti il contagiri ed il tachimetro) mentre il secondo, affiancato, è quello del sistema multimediale. È pacifico che la mente vada subito al SUV Touareg e al suo Innovision Cockpit.

Non so se avete notato, ma sembra proprio che VW abbia integrato i comandi del climatizzatore in un pannello touch collocato alla base dello schermo centrale.

Sotto il sistema d’infointrattenimento sono collocate le bocchette dell’aria rettangolari con finiture metalliche. Tra le due bocchette sono visibili 5 pulsanti dedicati tra i quali uno è quello d’emergenza (le 4 frecce).

Nuovo è anche il volante come nuovi sono i pannelli delle portiere, evolute e con finiture in alluminio. La consolle centrale è davvero ridotta all’osso e quasi senza pulsanti.

Nel complesso, questo design a me piace e lo preferisco a quello dell’attuale Golf 7.

Lascia un commento