GP Cina 2019, Mercedes incontrastate davanti / Foto: Mercedes AMG Petronas Motorsport

La Mercedes sembra aver già abbattuto la concorrenza di Ferrari-Red Bull e lo si è visto in Cina dove è arrivata la terza doppietta stagionale su tre gare. Abbastanza mostruoso.

E la Mercedes ha dato un’ulteriore prova di forza, confezionando “al volo” il doppio pit stop, riuscito anche molto bene. Il muretto ha risposto così alle mosse di Red Bull e Ferrari che avevano richiamato al box al 34esimo e al 35esimo giro, rispettivamente Verstappen e Vettel.

Al giro numero 36, tutti abbiamo assistito al doppio cambio della Mercedes: Bottas ha montato le medie nuove, Lewis le medie usate. L’idea del doppio cambio è partita da Toto Wolff.

Il direttore tecnico della scuderia tedesca, Andrew Shovlin, ha spiegato la situazione in un video post gara pubblicato su Youtube:

In realtà è stato Toto ad aver suggerito di fare una sosta dietro l’altra. Poi ne hanno parlato James Vowles [lo stratega della squadra] e Ron Meadows [il direttore sportivo]. Ron è il direttore sportivo e lui controlla solamente che ci sia tranquillità in merito al divario tra le macchine, poi possiamo far preparare i meccanici per il doppio pit stop e avere entrambi i set di gomme sulla pit lane.

James è l’unico che prende la decisione finale su questo e lui ha deciso di portarla avanti.

E la coreografia, seppur complicata, e sicuramente poco provata dalle scuderie in generale, è riuscita molto bene (se non ricordo male, ci sono voluti 3 secondi per il cambio gomme di entrambi i piloti).

Quindi la Mercedes ha dimostrato di avere le carte in regola anche al box, di non sbagliare quasi mai, di essere la super favorita anche nel 2019.

Lascia un commento