Ricciardo godereccio sul podio in Cina. Foto: By courtesy of Pirelli.

Daniel Ricciardo è tornato ad esibire il suo sorrisone sul podio del Gran Premio della Cina 2018 di F1 dove l’australiano ha colto un successo davvero inatteso.

Questo successo rappresenta una bella spinta al morale del 28enne che non ha cominciato al massimo la stagione 2018: non dimentichiamoci che a fine stagione scadrà il suo contratto con la Red Bull Racing e Daniel è finito nel mirino della Mercedes ma soprattutto della Ferrari.

Come finirà? Non si sa ma la scuderia austriaca spera di poterlo trattenere, consapevole che Ricciardo è indubbiamente più concreto e dal rendimento più alto rispetto a Mad Max.

Penso che Daniel sia felice dell’ambiente. Se siamo in grado di dargli una macchina come abbiamo fatto oggi [domenica scorsa], perché lui vorrebbe trovarsi altrove?,” ha detto il boss della Red Bull, Christian Horner, rivolgendosi ai cronisti presenti a Shanghai.

Daniel è un pilota molto completo ora. Lui è assolutamente al top e io penso che lo sia stato negli ultimi due anni. Ha raggiunto un tale equilibrio di esperienza e ritmo. È uno dei migliori piloti in termini di sorpassi in circolazione ed il suo giudizio è impeccabile in termini di valutazione di un gap.

Sento che lui si trova in una diversa fase della sua carriera rispetto a dove Max è al momento il quale è ancora molto giovane e si sta facendo esperienza.

Passo alle conclusioni: al richiamo della Ferrari, secondo me, Daniel non potrà dire no. Da capire se Vettel metterà o no il suo veto e se questo veto avrà una forza decisiva.

Mi ricordo che nel 2014, alla Red Bull, Seb prese delle legnate pesanti in pista da Ricciardo che terminò la stagione al terzo posto con 238 punti mentre il tedesco non andò oltre i 167.

Lascia un commento