Kimi ieri dominatore. Foto: Ferrari.

Il Gran Premio degli USA di Formula 1 disputatosi ieri ad Austin e vinto con merito da parte di Kimi Räikkönen, ci consegna una Ferrari di nuovo in forma che si è comportata molto bene su un circuito molto tecnico ed impegnativo.

Kimi è stato una vera faina quando al via si è sbarazzato con ferocia di Lewis Hamilton: avercelo avuto un Kimi così durante tutto il resto della stagione! A tal proposito, mi sorge un leggerissimo dubbio: il finlandese correva sempre libero o era come imbrigliato? Chissà… comunque ieri ha dimostrato di non essere affatto bollito come anche io ho pensato in passato e pure spesso.

La realtà dunque ci consegna una Ferrari di nuovo vincente tanto che al successo ieri ce l’ha portata KR7 e non Sebastian Vettel, ancora una volta prigioniero dei suoi errori di guida.

Il tedesco aveva prima spadellato nelle prove libere del venerdì non rallentando a sufficienza in regime di bandiera rossa, e questa svista gli era costata l’arretramento di 3 posizioni sulla griglia.

Successivamente il quattro volte campione del mondo si è autopurgato, ancora una volta nel 2018, colpendo leggermente Ricciardo durante il bel duello corpo a corpo nelle primissime fasi del GP degli USA.

Preso atto dello stato confusionale del tedesco, mi pare comunque evidente che in vista della stagione 2019, la Ferrari abbia tutto ciò che serve per tornare a vincere il mondiale. Lo ha dimostrato quest’anno a sprazzi. L’arrivo di Leclerc può davvero dare quel qualcosa in più capace di fare la differenza. Vedremo. Speriamo. Preghiamo.

Subscribe
Notificami

* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments