Valtteri Bottas ha colto stasera ad Austin, negli USA, il settimo successo in carriera in F1, il quarto stagionale. Per la Mercedes è stato un trionfo se consideriamo il secondo posto ottenuto da Lewis Hamilton.

Il pilota britannico ha puntato su una sola strategia ma negli ultimissimi giri, infatti, Lewis ha faticato con le gomme pur gestendole nel miglior modo possibile. E ha perso la prima posizione a tutto vantaggio di Bottas pur difendendo la seconda piazza dal ritorno prepotente di Max Verstappen.

Grande assente di giornata è stata senza dubbio la Ferrari. Il Cavallino ha vissuto una giornata estremamente complicata, difficile per non dire disastrosa. Un passo indietro rispetto alle corse passate.

Al via, le Rosse sono entrambe partite malino, poco reattive. La gara di Seb Vettel è durata solamente 7 giri e mezzo prima che si verificasse alla curva 8 il cedimento della sospensione posteriore destra della sua SF90.

È andata meglio a Charles Leclerc che comunque ha faticato moltissimo nel primo stint con le gomme medie. Il monegasco, che si affidava ad una power unit usata dopo i problemi del sabato, è andato molto meglio nel secondo stint tanto che in alcuni frangenti aveva un passo simile a quello di Hamilton. Tra l’altro, segnalo l’ennesima pecoreccia figura fatta dai meccanici Ferrari durante il primo cambio gomme di Charles: la sosta sulla piazzòla è durata ben 7,7 secondi! Il monegasco riesce comunque a chiudere in quarta posizione pur avendo effettuato un’altra sosta per segnare il giro più veloce (punto bonus).

Buono il quinto posto di Alex Albon su Red Bull anche se i distacchi sono mostruosi. Buona anche la prestazione dei vari Ricciardo, Norris e Sainz. Nella top ten hanno terminato anche Hülkenberg e Kvyat.

Classifiche mondiali

Hamilton vince il sesto titolo ed occupa la testa della classifica con 381 punti, davanti a Bottas (314) e Leclerc (249). Quest’ultimo dovrà difendersi dall’attacco di Max Verstappen (235) e Sebastian Vettel (230).

Nel Costruttori, la Mercedes, già titolata da tempo, sta a quota 695 punti, precedendo Ferrari (479), Red Bull (366) e le altre 7 scuderie.

Lascia un commento