Vettel esce dalla SF90 dopo il GP Gran Bretagna / Foto: Scuderia Ferrari Press Office

Malgrado la buona partenza di oggi pomeriggio a Silverstone, quando Seb Vettel ha sverniciato Pierre Gasly, il pilota tedesco ha vissuto oggi una giornata disastrosa.

Seb è ormai entrato dentro un imbuto che lo sta smontando pezzo dopo pezzo. Io penso che ormai la carriera di Seb stia prendendo una certa piega, dolorosa e non più da protagonista come ai tempi della Red Bull.

Il pecoreccio tamponamento al giro numero 37 che Seb ha confezionato (mica ha fatto apposta, ci mancherebbe altro!) nei confronti di Max Verstappen fotografa bene il momento di difficoltà del pilota tedesco.

Io temo che Seb soffra la presenza del Tigrotto Monegasco la cui tempra, la cui fame di successi è ben diversa da quella del Kimi del 2018.

Non vorrei, e non me lo auguro affatto, che si rivivesse quanto successo in casa Red Bull quando Vettel trovò a condividere il box con Daniel Ricciardo…

Non so perché ma mi viene in mente l’episodio in cui Seb si scontrò con Stroll al termine del Gran Premio della Malesia del 2017: qui il video.

Passo alle conclusioni: premettendo che la competitività della vettura resta il punto chiave di qualsiasi stagione, io, fossi nel Cavallino, penserei seriamente ad affiancare al Tigrotto monegasco un altro pilota.

E vi faccio anche i nomi: Lando Norris, Daniel Ricciardo anche se il mio sogno resta Max Verstappen che però potrebbe finire alla Mercedes (lo si può capire bene…).

Lascia un commento