In piena collaborazione con il comitato aziendale, la Porsche ha deciso di chiudere i suoi stabilimenti di Zuffenhausen e Lipsia a partire da oggi, sabato 21 marzo 2020. Con questa misura, la Casa di Stoccarda contribuisce a proteggere i propri dipendenti e a ridurre la diffusione del Coronavirus. Una scelta agevolata inevitabilmente dal calo della domanda che ci sarà nel 2020. Oliver Blume, il Presidente, ha confermato che “il 2020 sarà un anno molto impegnativo“.

Oltre a sospendere la produzione, Porsche ha deciso di mettere in campo altre misure. Ad esempio, è vietato effettuare viaggi d’affari mentre il telelavoro viene ampliato. Le riunioni fisiche si terranno solamente tramite video o in teleconferenza.

Anche tanti altri costruttori hanno preso provvedimenti analoghi, ovviamente. Bentley Motors ha sospeso ieri la produzione a Crewe per 4 settimane. La Marelli ha sospeso temporaneamente le attività produttive nella maggior parte degli stabilimenti europei. Volvo ha chiuso lo stabilimento belga fino al 5 aprile e chiuderà quelli in Svezia e USA dal 26 marzo al 14 aprile. Infine, anche Jaguar Land Rover sospenderà la produzione da lunedì prossimo fino alla settimana del 20 aprile, sempre che ve ne saranno le condizioni.