Carlos Sainz, McLaren, lo scorso 13 marzo 2020 in Australia | Foto: McLaren Racing.

Mi sembra opportuno cominciare a studiare meglio la figura di Carlos Sainz jr dato per probabile futuro pilota della Scuderia Ferrari per la stagione 2021 di Formula 1. Poi vedremo se queste voci si concretizzeranno oppure no. Il pilota spagnolo sostituirebbe Sebastian Vettel che non ha trovato un’intesa con il Cavallino.

Biografia
Carlos Sainz Jr. è nato a Madrid, in Spagna, il primo settembre 1994. È figlio del celebre pilota Carlos Sainz Sr., vincitore di due mondiali WRC (1990 e 1992) e di 3 Dakar (2010, 2018 e 2020). La prima “auto” è stata quella a batteria regalatagli dal suo padrino, Juanjo Lacalle. All’epoca il giovane Carlos aveva solamente due anni. Il 2005 segna il debutto nel mondo dei kart mentre già nel 2006 comincia a ottenere dei buoni risultati vincendo il “Campeonato Madrileño”, arrivando secondo nella “Carrera de Campeones” e terzo nel “Trofeo dell’Industria”. Nel 2008 vince il campionato Asia-Pacifico ed è vicecampione di Spagna nel campionato europeo nella classe KF3. Nel 2009 vince il GP di Monaco di karting e riceve un invito da parte della Red Bull che vuole valutarlo al fine di un suo possibile inserimento nel suo programma dedicato ai giovani piloti. L’esito del test fu positivo. Nel 2010, allora quindicenne, partecipa alla Formula BMW Europa con i colori della Red Bull, vincendo la Rookie Cup. Vince 3 gare nella Formula BMW Asia-Pacífico tra cui quella prestigiosa di Macao. Nel 2011 vince la Formula Renault 2.0 NEC del Nord Europa e contemporaneamente diventa vicecampione nella Eurocup 2.0. Nel 2012 partecipa a diversi campionati di Formula 3 e al GP di Macao prima di debuttare nel 2013 in GP3. In questo stesso anno, partecipa alla Renault 3.5 Series che vince l’anno seguente.

Formula 1
Il 28 novembre del 2014, la Toro Rosso annuncia che il giovane spagnolo diventerà pilota titolare per la stagione 2015 di F1 al fianco di Max Verstappen. Il debutto avviene a 20 anni, 6 mesi e 14 giorni di età. Prima stagione con 18 punti e 15esima posizione nel mondiale piloti. Ben più sostanziosa la stagione 2016 chiusa al 12esimo posto con 46 punti. Come miglior piazzamento ottiene un ottimo sesto posto ottenuto in Spagna, Stati Uniti e Brasile. Nel 2017, dopo aver corso 16 GP con la Toro Rosso, viene ingaggiato dalla Renault con cui corre gli ultimi 4 GP della stagione senza però ottenere risultati memorabili. Il 2018 si conferma anno di transizione: Carlos conquista qualche punto in 7 delle prime 8 gare. Il miglior risultato è il quinto posto ottenuto in Azerbaigian. Nel 2019 corre con la McLaren e, conti alla mano, questa si rivela essere la miglior stagione, considerando i 96 punti finali che gli valgono il sesto posto assoluto. Sale per la prima volta in carriera sul podio alle spalle di Verstappen e Gasly, in Brasile.

Veniamo al 2020: il Coronavirus ha sconvolto e agitato tutto, F1 compresa. Vettel e la Ferrari non hanno trovato un’intesa per il rinnovo e Carlos Sainz Jr. è dato come favorito per rimpiazzare il tedesco a Maranello. Il 25enne pilota spagnolo potrebbe percepire alla Ferrari uno stipendio di circa 6-7 milioni all’anno (per due stagioni?). Giusto per un paragone, lo spagnolo ha percepito circa 3,5 milioni di euro nel 2019 alla McLaren.

Numero di gara e social
Carlos scelse il numero di gara 55 nel 2015 perché questo numero – il 5 – ricorda la lettera “S” che compare due volte tra nome e cognome (CarloS Sainz). Da qui è nato anche l’hashtag #Carlo55ainz. Carlos è alto 178 cm e pesa attualmente 66 kg.

Subscribe
Notificami

* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments