Condividi

3 OFFERTE NEL TEMPO
Adrian Newey, il geniale ma soprattutto vincente progettista di F1, ha rivelato che la Ferrari, nel corso del tempo, gli ha fatto 3 offerte ma ogni volta ha sempre sentito come se fosse “sbagliato” dover lasciare la Red Bull o comunque quello che stava facendo in quel preciso momento. Newey ha lavorato (e vinto) con la Williams, con la McLaren e con la Red Bull ma mai con il Cavallino.

Ci siamo andati vicino 3 volte. Inizialmente nella mia carriera in IndyCar quando la Ferrari decise di costruire una vettura IndyCar, mi fu offerto di passare a loro come capo progettista del loro progetto ma non sentivo che fosse giusto, quindi ho rifiutato,” ha commentato Newey a Sky Sports F1.

SECONDA OFFERTA
Newey racconta ancora: “Poi, molto più seriamente, Jean Todt mi offrì di unirmi a loro come direttore tecnico nel 1996. In quel momento, avevo delle offerte per rimanere alla Williams, di unirmi alla McLaren o alla Ferrari.

Ci ho pensato a lungo ed in maniera intensa ma avevo una giovane famiglia all’epoca e decisi che volevo rimanere nel Regno Unito.

LA TERZA E LE NOTTI INSONNI
Arrivò poi anche il terzo tentativo della Ferrari di accaparrarsi i servigi dell’ingegnere inglese in concomitanza con la difficoltà perdurante della Renault che non era capace di offrire un motore all’altezza del telaio della Red Bull.

Risultava evidente che la Renault si trovava molto lontana dalla Mercedes ed in una certa misura dalla Ferrari – senza una fine evidente [della differenza] in vista. La Renault non sembrava intenzionata ad investire finanziamenti per risolvere realmente il problema, il che era un po’ deprimente e preoccupante.

Mi trovavo in una posizione un po’ difficile. Non volevo uscire dalla Red Bull perché mi sentivo come a casa e sono stato intensamente coinvolto con Christian Horner fin dall’inizio, costruendo la squadra dalle ceneri della Jaguar fino a dove si trova oggi.

Non volevo andare via ma allo stesso tempo non volevo trovarmi in una posizione in cui stavamo operando con una mano legata dietro la schiena nel reparto motori.

È stata una decisione molto difficile. La Ferrari si fece sotto con un’incredibile offerta, molto attraente e mi ha causato un sacco di notti insonni per decidere che cosa fare e con chi. Alla fine, ho sentito che era sbagliato andare via dalla Red Bull.

Quindi, presumibilmente non ci sarà un quarto tentativo da parte della Ferrari di prendere con sé Adrian Newey. Il vero colpo grosso consiste nell’individuare il nuovo Adrian Newey.