0
(0)

Continuano gli aggiustamenti nella Scuderia Ferrari e si tratta di aggiustamenti nell’organico tecnico non di poco conto. Simone Resta non guiderà più l’Ingegneria Telaio della Scuderia e si traferirà alla Haas. È noto il legame che lega Maranello con la scuderia americana che sta accogliendo Mick Schumacher, pilota facente parte della Ferrari Driver Academy.

Resta era passato all’Alfa Romeo per volontà di Sergio Marchionne ma poi era rientrato a Maranello. Adesso fa di nuovo le valigie, lasciando il suo incarico che sarà ricoperto da Enrico Cardile. Il Cavallino deve ancora trovare la quadratura del cerchio, evidentemente. Gli altri ruoli e competenze restano immutate.

È per questo che crediamo che la relazione storica che abbiamo con Haas sin da prima del suo arrivo in Formula 1 costituisca per entrambe le parti la base per sfruttare ogni possibile sinergia, coerentemente con quanto definito dai regolamenti FIA.

Il commento ufficiale di Binotto

Riporto qui sotto, infine, il commento del team principal, Mattia Binotto: “La struttura di un team come la Scuderia Ferrari si evolve in modo veloce, anticipando i cambiamenti.”

A partire dal 2021, con l’introduzione dei nuovi regolamenti, vengono poste davanti a tutti noi delle sfide nuove, che vanno affrontate con pragmatismo e apertura, come del resto avevamo iniziato a fare con le modifiche organizzative annunciate alcuni mesi fa.

“È per questo che crediamo che la relazione storica che abbiamo con Haas sin da prima del suo arrivo in Formula 1 costituisca per entrambe le parti la base per sfruttare ogni possibile sinergia, coerentemente con quanto definito dai regolamenti FIA. È con questo spirito che siamo lieti di annunciare che un tecnico di valore come Simone Resta andrà a rafforzare la struttura tecnica della squadra americana a partire dall’inizio del prossimo anno.

Questo passo rappresenta quindi un’ulteriore tappa del processo di continua evoluzione della nostra squadra. Simone, cui va il nostro ringraziamento per il lavoro svolto finora, avrà un ruolo rilevante all’interno di un team che ha ribadito il suo impegno a lungo termine in Formula 1 e che, anche con l’arrivo di un pilota della Ferrari Driver Academy, Mick Schumacher, ha rafforzato un rapporto già molto stretto con la Scuderia. Enrico Cardile avrà il compito di gestire e coordinare le risorse tecniche e umane direttamente legate allo sviluppo della prestazione e alla progettazione della vettura.

Ti ha gasato questo articolo?

Clicca sulla stella per giudicarlo!

Rating medio 0 / 5. Conteggio voti: 0

Ancora nessun voto! Daaai, vota tu per primo!

Subscribe
Notificami

* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments