Verstappen dietro la safety car - Foto: By courtesy of Pirelli / Mark Sutton / LAT Images
0
(0)

Max Verstappen ha vinto in scioltezza il Gran Premio di Emilia Romagna, segnato senza dubbio dall’incidente che ha coinvolto Bottas e Russell. Hamilton, dopo la pecoreccia uscita di pista alla Tosa nel tentativo di superare un doppiato, è riuscito a rimontare fino alla seconda posizione. Fortuna e classe per lui. Indubbiamente il personaggio di giornata è Lando Norris contro cui le Ferrari non hanno potuto fare granché. Di seguito, tutto il GP giro per giro.

Primi giri

Giro 1 – Nel firo di formazione, Charles Leclerc finisce in testacoda sulla via di fuga ma è fortunato perché non finisce sulla ghiaia. La pista è bagnata. Seb Vettel partirà dalla pit lane. Verstappen e Hamilton si sono toccati. Tra i due una sportellata in una nuvola di acqua. Hamilton si lamenta via radio di essere stato spinto fuori alla curva uno da parte di Max. La W12 ha perso una bandella laterale dell’ala anteriore a sinistra. Il britannico ha perso un po’ di carico aerodinamico.

Giro 2 – Contatto tra la Williams di Latifi e la Haas di Mazepin: il pilota canadese finisce contro le barriere. Inevitabile l’ingresso della safety car. Nel frattempo Leclerc si prende la P3 dopo indecisione di Pérez. Latifi poco prima era finito in testacoda alle Acque Minerali.

Errore di gioventù per Mick

Giro 4 – Mick Schumacher fracassa l’anteriore della sua Haas contro le barriere in regime di safety car. Il giovane tedesco stava riscaldando le gomme zigzagando. Anche Sergio Pérez ha effettuato una breve escursione in fuoripista.

Giro 6 – Mick Schumacher rientra al box per sostituire l’ala anteriore.
Giro 7 – Riparte la gara. Ham cerca di farsi subito sotto ma Verstappen allunga. Lotta tra Sainz e Gasly per la P6. Lo spagnolo perde due posizioni a vantaggio Gasly e Norris.
Giro 9 – Norris svernicia Gasly e si prende la P6. Poco dopo alla Piratella, Sainz supera il francese della Alpha Tauri.

Giro 11
– Sainz in fuoripista ma riesce a ripartire, conservando la P7.
Giro 12 – Sergio Pérez investigato per aver superato in regime di Safety car. Giro veloce per Ham. Lui e Max sono i più veloci in pista ora. Il messicano si prende uno stop and go da 10 secondi.

Giro 13
– Gasly soffre con le gomme da bagnato pesante e perde posizioni su posizioni. Solo lui e Mazepin hanno questo tipo di mescola. Fuoripista sulla ghiaia per Sainz che aveva recuperato molto a Norris.
Giro 16 – Cambio gomme per Gasly.
Giro 17 – Ricciardo cede la sua P5 a Norris (ordine di scuderia).

Giro 21 – Leclerc fatica con le anteriori e perde molto rispetto a Pérez che lo insegue. Al giro successivo, Vettel è il primo a effettuare il cambio gomme, montando la gomma media. Il tedesco si prende la penalità di 10 secondi per non aver montato le gomme nei 5 minuti previsti.

Giro 24 – Vettel sconta la sua penalità.

I big effettuano il cambio gomme: tutti montano le medie

Giro 25 – Ham è a 2 secondi da Max.
Giro 26 – Sainz super Ricciardo e si porta in P6.
Giro 28 – Sosta per Max (2.2 secondi): monta la gomma media. Ham e Leclerc proseguono. Sosta anche per Sainz (2.6s).
Giro 29 – Pit stop lento per Ham (4.0s). Leclerc in 2.6s effettua la sua sosta. Sosta molto veloce anche per Bottas (2.2s) che però rientra in P8.

La bandiera rossa al giro 34

Giro 31 – Hamilton lungo per superare un doppiato, finisce contro le barriere, va in retromarcia e riparte con l’ala anteriore danneggiata. Subito dopo incidente tra Bottas e Russell: safety car inevitabile. L’impatto tra i due è stato forte ma per fortuna senza conseguenze fisiche per i due. È stato un incidente di gara.  Al giro 34 la gara viene sospesa.  La ripartenza avverrà con partenza lanciata e non da fermi alle 16:25.

Giro 35 – Norris uccella Leclerc che perde la P3. L’inglese ha le gomme rosse. Tsunoda finisce in testacoda.

Giro 37 – Max vola via, Norris perde qualcosa mentre le Leclerc mantiene la P3 davanti a Pérez e Sainz. Al giro successivo Pérez finisce nella ghiaia.
Giro 39 – Ham grintoso su Stroll e va in P6.
Giro 42 – Ham sale in P5 alle spalle dei ferraristi dopo aver superato Ricciardo.

Giro 46 – Giro veloce per Verstappen mentre si accende il duello tra Norris e Leclerc. Ham recupera sulle Ferrari. Duello vibrante anche tra Vettel e Pérez.
Giro 50 – Hamilton supera Sainz.
Giro 55Ham supera Leclerc dopo il traguardo, salendo in terza posizione. Kimi indagato a fine gara per non aver rispettato la procedura di ripartenza lanciata.

Ultimi 3 giri

Giro 60 – Ham supera Norris e si prende la P2. Le Ferrari non sono in grado di avvicinarsi a Norris.

Giro 63 – Vettel si ritira. Sul podio salgono Verstappen, Hamilton e Norris. Ferrari ai margini del podio, quarte e quinte.


Classifiche mondiali

Nel Mondiale Piloti, Hamilton mantiene la vetta per un solo punto. Il britannico con 44 punti precede Max Verstappen (43). Lando Norris sale in terza posizione (27), precedendo i vari Leclerc (20), Bottas (16), Sainz (14) e tutti gli altri. Nel Costruttori, Mercedes davanti con 60 punti, ma la Red Bull è lontana solamente 7 punti. Terzo posto conteso tra McLaren (41) e Ferrari (34). Le altre scuderie sono molto lontane.

Ti ha gasato questo articolo?

Clicca sulla stella per giudicarlo!

Rating medio 0 / 5. Conteggio voti: 0

Ancora nessun voto! Daaai, vota tu per primo!

Precedente articoloGP Emilia Romagna 2021, Sainz si sente ancora un apprendista
Prossimo articoloBentley Continental GT Speed 2021: 0-100 km/h e Caratteristiche
Sono un Divulgatore ignorante. Ignoro quasi tutto. Scrivere di auto è liberatorio per me. L'automobile è Piacere, Passione, Libertà. Mi piacciono Marche di auto ben precise quali Porsche, Audi, Mercedes, Lamborghini. Aborro l'auto che guiderà da sola. Credo nell'Amore e in certe Passioni travolgenti.
Subscribe
Notificami

* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments