Il grande cuore Ferrari ma la SF1000 latita purtroppo - Foto: Scuderia Ferrari Press Office

Come il copione prevedeva, le Mercedes hanno dominato le qualifiche del GP d’Italia 2020 di F1 con un Lewis Hamilton inarrestabile. Il britannico ha conquistato la sesta pole stagionale, la settima a Monza e la 94esima in carriera. Numeri da brividi.

Il tempo ottenuto da Hamilton oggi, 1:18.887, gli vale anche come nuovo record sul giro del Tempio della Velocità. Questa volta, il suo compagno di scuderia, Valtteri Bottas, gli ha dato del filo da torcere. Il finlandese è lontano solamente 69 millesimi. Ottimo terzo, il futuro ferrarista Carlos Sainz Jr. (McLaren) che però incassa 8 decimi dalla Mercedes.

Delusione per Max Verstappen (Red Bull) che deve accontentarsi della quinta piazza, preceduto da Sergio Pérez (Racing Point). Completano la top 10, i vari Norris, Ricciardo, Stroll, Albon e Gasly.

Capitolo Ferrari. Ancora una situazione piena di amarezze. Si sapeva che Spa e Monza sarebbero state molto crudeli e così è. Charles Leclerc ha ottenuto il 13esimo tempo mentre Sebastian Vettel ha subìto il taglio subito nella Q1 a causa del traffico. Ma anche senza traffico, poco meglio avrebbe potuto fare la Ferrari numero 5. Il tedesco non è andato oltre il 17esimo tempo. In gara per la Rossa sarà un altro bagno di sangue. Amen. Va così.

Subscribe
Notificami

* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments