Seb, Charles e Binotto sorridenti in Cina 2019 / Foto: Ferrari
0
(0)

Il quasi 90enne supremo Bernie Ecclestone, ex capo assoluto della F1, sostiene che Mattia Binotto non sia il leader di cui la Scuderia Ferrari abbia bisogno per tornare in alto. In un’intervista concessa al DailyMail, Ecclestone ha anche il nome giusto per rimpiazzarlo: Flavio Briatore.

No [non è un leader], è un ingegnere. Loro hanno bisogno di qualcuno che possa far capire alle persone che quando dici qualcosa, poi succede. Non forse. O una discussione. Avrei visto bene Flavio Briatore guidare la Ferrari. Flavio avrebbe fatto quello che ha sempre fatto con la Benetton e la Renault: avrebbe preso le migliori persone dalle altre squadre,” ha detto Ecclestone.

E riguardo a Lewis Hamilton, il supremo non ha dubbi: meglio che se ne resti dove sta. “Se io fossi Lewis, resterei alla Mercedes. È a suo agio lì. Ha la persona che accende e spegne la luce sostenendolo [Toto Wolff]. Non funzionerebbe per lui alla Ferrari. Sono italiani. Avrebbe dovuto imparare la lingua per sapere cosa stessero dicendo alle sue spalle, per cominciare. Il problema con tutti gli italiani è che non vogliono litigare, non vogliono litigare con nessuno. Invece di dire a qualcuno che sta facendo un brutto lavoro, loro dicono ‘cavatela da solo o ti manderò via ma voglio risultati. Andiamo a cena così ne parliamo. Siamo amici.'”

Ti ha gasato questo articolo?

Clicca sulla stella per giudicarlo!

Rating medio 0 / 5. Conteggio voti: 0

Ancora nessun voto! Daaai, vota tu per primo!

Subscribe
Notificami

* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments