Melbourne, Australia, ieri / Foto: By courtesy of Pirelli

Brusco risveglio per il mondo della F1: stamattina è morto in Australia Charlie Whiting, Direttore di Corsa, a causa di un’embolia polmonare: aveva 66 anni.

Charlie Whiting era una figura nota agli appassionati di F1; ha iniziato la sua carriera nel 1977, lavorando per il team Hesketh e poi, negli anni 80, per Brabham; ha fatto parte dell’organizzazione della F1 da quando entrò in Federazione nel 1988 mentre dal 1997 ricopriva la carica di Direttore di Corsa.

Di seguito vi riporto alcune brevi dichiarazioni di Jean Todt, attuale presidente della Fia e del Managing Director della F1, Ross Brawn.

Todt:È con immenso dispiacere che ho saputo del decesso di Charlie. Conosco Charlie Whiting da molti anni, è stato un grande direttore di gara, una figura centrale ed inimitabile della F1 che ha incarnato l’etica e lo spirito di questa fantastica disciplina.

Brawn:Conoscevo Charlie da tutta una vita passata nel mondo delle corse. Abbiamo lavorato insieme come meccanici, siamo diventati amici e abbiamo speso molto tempo a gareggiare sulle piste di tutto il mondo. Ero pieno di immensa tristezza quando ho saputo della tragica notizia. È una grave perdita non solo per me personalmente ma anche per l’intera famiglia della F1, la Fia e l’automobilismo nel suo insieme.

Michael Masi, intanto, è stato individuato come il nuovo direttore di corsa, figura chiave che ha molti compiti da assolvere. Brevemente vi ricordo che lui decide o meno se sospendere una sessione o impiegare in pista la safety car. Inoltre, riferisce degli incidenti ai commissari. È responsabile anche del controllo delle luci del semaforo alla partenza. Infine, sua è anche l’ultima parola in tutte le questioni legate alla sicurezza.

Lascia un commento