Vettel in rimonta a Sepang. Copyright foto: Ferrari.

Il Gran Premio della Malesia ci ha regalato una potente rimonta di Sebastian Vettel che dal fondo dello schieramento ha recuperato ben 16 posizioni arrivando ai margini del podio.

Ma il post gara del tedesco ha riservato una spiacevole sorpresa e mi riferisco al pecoreccio contatto verificatosi con Lance Stroll.

La parte posteriore destra della monoposto del 4 volte campione del mondo è stata distrutta pesantemente e la preoccupazione del tedesco è quella di ricevere una brutta sorpresa come conseguenza di questo sciagurato episodio.

Il riferimento è alla malaugurata ipotesi che ci sia bisogno di sostituire il cambio qualora fosse rimasto danneggiato nell’urto con la Williams.

Il cambio è stato naturalmente già stato spedito a Maranello per le verifiche di rito e per capire se potrà essere riutilizzato senza patemi d’animo.

Vettel potrebbe dunque scontare una penalità consistente nell’arretramento di 5 posizioni sulla griglia di partenza in Giappone, a Suzuka.

Controlleremo [il cambio] ma sì, sicuramente potrebbe esserci un’altra brutta sorpresa in questo fine-settimana. Spero di no perché non era assolutamente necessario,” ha commentato Vettel dalla Malesia.

Vettel ha concluso il Gran Premio della Malesia al quarto posto dopo una rimonta estremamente potente.

Il “casino” del volante — Prima di salire sulla Sauber di Pascal Wehrlein che si era offerto per dargli un passaggio fino al box, Seb ha rimosso il volante della sua Ferrari portandolo via con sé.

Questo comportamento in realtà contrasta con l’articolo 22.5 del regolamento sportivo.

Questo articolo impone al pilota, tra l’altro, di mantenere il volante in posizione quando è costretto ad abbandonare la vettura.

Vettel ha spiegato così ad Autosport: È stato una sorta di riflesso [portare via il volante con me]. Ho visto che Pascal si era fermato e non riuscivo a rimettere il volante a posto perché la colonna dello sterzo si era completamente girata.

Ovviamente la macchina era danneggiata. L’ho messo sul sedile ed è stato un riflesso – a volte aprono la pista agli spettatori. Siccome non potevo inserirlo, ho pensato che potevo portarlo con me solo per essere sicuro.

Non si vuole perdere un volante. Era necessario? Probabilmente no.

Lascia un commento