L’Alfa Romeo Giulia GTA 2020 è l’ultima bestiale creazione sfornata dal Biscione: un prodotto di alta qualità che riscalda i nostri cuori. Questo ritorno alle origini prende ispirazione dalla Giulia GTA del 1965. L’acronimo GTA sta per “Gran Turismo Alleggerita”.

Questa serie speciale si limita a soli 500 esemplari numerati e certificati. Laprocedura di vendita è altrettanto speciale: uno specialista di prodotto seguirà ciascun cliente dall’ordine alla consegna finale.

In dotazione viene inoltre offerto un pacchetto che include: casco Bell con livrea GTA, abbigliamento racing completo Alpinestars (tuta, guanti e scarpe) e un telo coprivettura Goodwool personalizzato. Disponibile anche un corso di guida da svolgere presso l’Accademia di Guida Alfa Romeo.

Carrozzeria pompata con alettone posteriore spaziale

Anche un tombino capirebbe che questa Giulia GTA non è una Giulia qualsiasi. E lo si capisce dalla carrozzeria esclusiva. I vari elementi non hanno solo un valore estetico innegabile ma anche una funzione tecnica. Innanzitutto, l’aerodinamica attiva aumenta il carico aerodinamico: essa è frutto della conoscenza tecnica derivata direttamente dalla Formula 1.

Gli elementi cardine dell’aerodinamica sono: le minigonne laterali, lo spoiler posteriore specifico e lo splitter anteriore attivo. Nuovo è anche il bellissimo impianto di scarico Akrapovič in titanio integrato nel diffusore posteriore in fibra di carbonio. I cerchi specifici sono da 20 pollici monodado, una novità assoluta su una berlina. Gli ingegneri Alfa Romeo hanno migliorato la maneggevolezza, allargando di 50 mm le carreggiate e montando un nuovo set di molle, ammortizzatori e boccole per le sospensioni.

Tecnica

La riduzione del peso è stata perseguita dagli ingegneri Alfa Romeo che hanno risparmiato circa 100 kg, utilizzando materiali leggeri impiegati per l’albero di trasmissione, cofano, tetto, paraurti anteriore, passaruota anteriori e inserti passaruota posteriori. Non mancano né l’alluminio per motore, porte e sospensioni né materiali compositi diversi per altre componenti.

Considerando che il peso si attesta sui 1.520 kg, il dato relativo al rapporto peso/potenza raggiunge i 2,82 kg/CV. La Giulia GTA scatta da 0 a 100 km/h in 3,6 secondi grazie anche al Launch Control. Nella GTA, i pannelli delle portiere, i sedili e i finestrini derivano dalla Giulia Quadrifoglio.

Versione GTAm

Piccola premessa: in questa versione la configurazione dell’abitacolo è a due posti ma è sempre valida l’omologazione stradale.

Questa ancora più speciale versione, la GTAm, presenta uno splitter anteriore maggiorato e più estremo e un’ala posteriore in carbonio che accrescono e bilanciano il carico aerodinamico alle alte velocità. L’abitacolo, rivestito di tanta Alcantara (più che nella GTA) è alleggerito, considerando che la panchetta posteriore lascia il posto a una “vasca” rivestita e sagomata in modo tale da accogliere caschi ed estintore. Le cinture dei sedili sportivi sono in questo caso a 6 punti Sabelt.

La GTAm è provvista anche del rollbar e sprovvista dei pannelli delle portiere e dei sedili posteriori come ho già avuto modo di scrivere. Una chicca di natura corsaiola: sono presenti i nastri al posto delle maniglie per l’apertura delle portiere.

Gli ingegneri hanno usato la resina Lexan per realizzare la finestratura laterale e posteriore, tutto a vantaggio dell’alleggerimento.

Motore

Il già noto motore Alfa Romeo 2.9 V6 Bi-Turbo da 510 CV eroga sulla Giulia GTA ben 540 CV (+30 CV). I motoristi Alfa Romeo hanno ottimizzato anche l’apporto del nuovo sistema di scarico centrale, in titanio, firmato da Akrapovič. Il suono sembra veramente poderoso ma dovrei ascoltarlo dal vivo…

Abitacolo

Gli interni sono rivestiti pesantemente dall’Alcantara che avvolge plancia, pannelli porta, imperiale, montanti laterali e rivestimento centrale dei sedili sportivi. Veramente esclusivi sono gli inserti in carbonio opaco. I sedili sportivi specifici sono in monoscocca in carbonio.

Subscribe
Notificami

* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments