Seb con il coppino del terzo classificato. Foto: Scuderia Ferrari

Al decimo giro del Gran Premio della Cina, la Ferrari ha chiesto a Charles Leclerc di lasciare strada al compagno di scuderia Sebastian Vettel.

Il monegasco ha effettivamente lasciato strada al 4 volte campione, al giro successivo: ma Seb non è che avesse un passo così devastante perché le Rosse semplicemente non avevano il passo giusto per contrastare le Mercedes.

Abbiamo scambiato le posizioni e pensavo che lui sarebbe riuscito ad avvantaggiarsi su di me ma non è andata così e questo non ha fatto bene alla mie gomme

Ma è la terza volta che il muretto Ferrari in gara chiede a Charles di fare qualcosa per il suo illustre compagno. È giusto tutto questo, pensando al fatto che il monegasco risulta essere più veloce in pista del tedesco?

È giusto dare la priorità a Vettel solo perché è un 4 volte campione del mondo e non si deve minare troppo la sua integrità mentale?

Attenzione però perché Charles, ne sono quasi sicuro, avrebbe potuto finire sul podio al posto di Seb o finire quarto se la sua strategia fosse stata un po’ più accorta.

Col senno di poi, è facile parlare, ma guardando il GP, mi sono interrogato sul perché la Ferrari ha ritardato la seconda sosta di Charles fino al 42esimo giro quando gli altri l’hanno effettuata tra il 34 ed il 36esimo giro.

Quindi, passando alla conclusione, mi sembra proprio che la Ferrari abbia voluto offrire questo podio a Seb, sperando di farlo rifiorire ben bene più avanti. Ho i miei dubbi in proposito.

Infine, vi incollo il commento ufficiale di Charles dopo il GP della Cina:

Non è stata di sicuro una delle gare più facili della mia carriera visto che oggi sembrava non avessimo proprio il passo per lottare là davanti con i nostri rivali. La mia partenza è stata buona poi, sia io che Sebastian, abbiamo iniziato a faticare con le gomme.

Abbiamo scambiato le posizioni e pensavo che lui sarebbe riuscito ad avvantaggiarsi su di me ma non è andata così e questo non ha fatto bene alla mie gomme dal momento che si sono surriscaldate e come conseguenza ho perso del tempo. Con il mio secondo set di gomme speravamo di riuscire ad arrivare fino in fondo ma purtroppo mi sono dovuto fermare ancora e così ho perso una posizione.

Ci siederemo tutti insieme per capire che cosa poteva essere fatto in maniera migliore e ci presenteremo alla prossima gara ancora più forti per provare a cercare il risultato che vogliamo.

Lascia un commento