Yaris Hybrid

Il concetto di auto ibride 2019 non è difficile da capire: ci si riferisce molto semplicemente ad auto dotate di due motori distinti, uno termico a benzina e l’altro, sicuramente più piccolo, elettrico.

Come funzionano e significato. Ecco le possibili architetture realizzabili con l’ibrido: vediamole sommariamente nel dettaglio.

1] Ibrido in serie: il motore termico, non collegato alle ruote, genera la corrente per alimentare il piccolo motore elettrico: questo surplus di corrente può servire a dare un ulteriore slancio alle prestazioni ma anche a ricaricare le batterie.

2] Ibrido in parallelo: il motore termico e quello elettrico forniscono la loro potenza congiuntamente allo stesso asse attraverso una trasmissione convenzionale.

3] Ibrido misto: questo è lo schema più complesso ma anche il più diffuso, ad oggi: esso assume le caratteristiche del sistema in serie e di quello in parallelo. E quindi, grazie al primo, sarà possibile per il motore termico generare corrente per ricaricare la batteria o l’alimentazione del motore elettrico.

Dal secondo, viene presa la capacità di far lavorare in sinergia il motore termico ed il motore elettrico. Da entrambe le architetture — in serie ed in parallelo — viene catturata, infine, la capacità di recuperare energia dalla fase di frenata per ricaricare la batteria.

Toyota RAV4 Hybrid.

Anche la Toyota Prius si basa su questa architettura: il motore elettrico si aziona nelle partenza da fermo mediante l’energia accumulata nelle batterie, offrendo la spinta necessaria per raggiungere basse velocità. Qualora l’auto abbia bisogno di maggiore potenza, entrerà in gioco il motore termico; in caso di arresto, entrambi i motori si spengono automaticamente. La vettura può muoversi anche in modalità esclusivamente elettrica senza consumare benzina ma solo per pochissimi km e ad una velocità contenuta (generalmente 50 km/h circa).

Ma addentriamoci un po’ meglio nel settore delle auto ibride, cominciando a vedere i prezzi di alcuni modelli.

Il lussuoso SUV Lexus RX Hybrid, che abbina un propulsore V6 da 3,5 litri con un efficiente motore elettrico e un sistema E-Four a trazione integrale, ha un prezzo di listino che parte da € 69.500.

Ma la Toyota la fa veramente da padrona, se consideriamo l’ampio numero di vetture ibride presenti nel suo listino. Comincio dalla piccola Yaris Hybrid (da € 15.100) senza dimenticare le varie Auris Hybrid (da € 19.500), C-HR Hybrid (da € 24.350), nuova Prius+ (da € 28.250), RAV4 (da € 28.300).

Porsche offre la sua Panamera 4 E-Hybrid a partire da € 113.230,01 (potenza combinata di 462 CV) mentre il SUV Cayenne E-Hybrid, con la stessa potenza, ha un prezzo che parte da € 93.402).

Lascia un commento