Condividi

Lewis Hamilton non ha dubbi: in Formula 1 non ha imparato niente, considerando tutti i compagni di scuderia avuti finora. Ma c’è un’eccezione: Fernando Alonso.

Il pilota britannico snobba dunque Nico Rosberg – “No, zero” [Non ho imparato niente, ndr] – che lo scorso hanno gli alzò il titolo in faccia (a sorpresa) ma non il pilota spagnolo con cui nel 2007 ebbe una rivalità più che accesa.

In quell’anno infatti Fernando e Lewis, al debutto assoluto in F1, si scornarono a vicenda e Kimi Räikkönen ne approfittò anche se, non dobbiamo dimenticarci, quella stagione fu condita e condizionata pesantemente dalla pecoreccia Spy Story.

Hamilton ne parla così in un’intervista concessa al sito della CNN:

Penso di essere arrivato nella squadra con una buona energia ma la mia etica nel lavoro è migliorata molto oggi — quindi l’avrei applicata fin dall’inizio.

Probabilmente avrei 5 campionati adesso, ma non farei a cambio nemmeno con il mondo intero. Perdere il campionato l’anno scorso mi ha permesso di essere il pilota e l’uomo che sono oggi.

ALONSO — “Direi che probabilmente l’unico compagno da cui ho imparato qualcosa è stato Fernando [Alonso] — fu il mio primo anno in Formula 1,” ha commentato Lewis, riferendosi alla vulcanica coabitazione vissuta con lo spagnolo nel 2007.

Dopodiché, direi che sono stato in grado di fare la mia esperienza, quindi non ho mai pensato di prendere qualcos’altro da altri piloti. Stavo solo cercando di migliorarmi e di sbloccare le mie capacità.

Un vero peccato che Alonso stia facendo la comparsa in F1 perché, in caso contrario, mi sarebbe piaciuto vederlo battagliare di nuovo con Hamilton come nel lontano 2007. Non ci si annoiava mai in quella stagione.