Vettel godereccio dopo la pole cinese. Foto: Ferrari.

Marcando il tempo di 1:31.095, Sebastian Vettel ha ottenuto la 52esima pole position in carriera con gomme ultrasoft, precedendo di soli 87 millesimi il compagno di box, Kimi Räikkönen che ha visto la pole sfuggire all’ultimo tentativo provato dal tedesco: la Ferrari sembra davvero in ottima forma.

Era dal 2004 che la Ferrari non otteneva la pole in Cina e considerando la doppietta di oggi si capisce bene che il Cavallino domani partirà da favorito.

Le Mercedes oggi si sono appecoronate alle Rosse, senza la minima possibilità di infastidirle: sia Bottas che Hamilton hanno chiuso con distacchi leggermente superiori ai 5 decimi.

La terza fila è tutta Red Bull: Verstappen precede Ricciardo ma in questo caso i distacchi dalla vetta sono più impegnativi. L’australiano ha potuto partecipare alle qualifiche dopo che i meccanici hanno fatto un duro lavoro conseguente al problema al turbo (?) che lo aveva messo fuori gioco dopo appena 4 giri percorsi nelle libere 3.

La top 10 è completata dai vari Hülkenberg, Pérez, Sainz e Grosjean.

Segnalo infine che la scuderia più lenta è stata la Sauber: Leclerc, che comunque ha fatto meglio di Ericsson, si è esibito in uno spettacolare testacoda sul traguardo dopo aver pizzicato il cordolo. Fortunatamente non ci sono state conseguenze per lui e l’auto che ha comunque sfiorato il muretto.

Tanta delusione anche per Gasly, quarto nel GP del Bahrain: è solo 17esimo. La gara domani scatterà alle ore 8:10 italiane.