Condividi
Hamilton con la bandiera

Lewis Hamilton ha vinto il mondiale piloti di Formula 1 domenica scorsa in Messico, con 2 gare di anticipo.

La vittoria è netta. La Ferrari è partita forte e con Seb ha messo paura alle Frecce d’Argento. La Mercedes è poi tornata forte dopo la batosta subìta in Ungheria mentre la Ferrari non ha sviluppato la macchina meglio dei rivali tedeschi.

Se ci mettiamo poi qualche pecoreccia cazzata commessa in pista dai ferraristi, Hamilton si è ritrovato il quarto titolo su un piatto d’argento lucidato.

2018 — Il britannico pensa già al 2018: “Devo sedermi ed analizzare i pro ed i contro di quest’anno e vedere come posso migliorare. Voglio migliorarmi l’anno prossimo.

La sfida sarà ancora più grande con Ferrari e Red Bull. La F1 non dorme, non si ferma. C’è sempre qualcuno che aspetta di prendere la mia posizione.

VERSTAPPEN — Un rivale cazzuto potrebbe essere Mad Max nel 2018. Hamilton dice: “Sappiamo tutti che è un pilota eccezionale. È bello vedere la Red Bull ritornare in gioco. Spero davvero che avranno un motore migliore il prossimo anno e che saranno di più nella lotta.

Lui ha molto talento grezzo al momento ma è giovane. Ha una grande strada davanti a sé ma queste vittorie ed esperienza che lui sta accumulando si aggiungono alla sua grandezza. Non vedo l’ora di battagliare.

MCLAREN — Una nota del 4 volte campione del mondo anche per la scuderia che lo ha lanciato in Formula 1: “Spero davvero che per la McLaren, che ha un posto speciale nel mio cuore, l’anno prossimo sia un anno migliore.”

ALONSO — “Spero che avranno un motore migliore, una macchina più forte e Fernando è una dura canaglia – un osso duro, preferisco questa parola e ho apprezzato la piccola battaglia che ho avuto con lui e spero che avremo molte cose così.

COSTANZA — “La mia costanza è stata un fattore importante. Le qualifiche sono state ottime. In generale ho sempre sentito che le gare sarebbero andate bene ma la qualifica ha rappresentato un buon passo in avanti nella costanza.

QUESTIONE CONTRATTO — Sempre quotato dal sito della BBC, Hamilton ha parlato del suo contratto che scadrà alla fine del 2018. Non sembrano esserci troppi dubbi circa il rinnovo con la scuderia che ha dominato in queste ultime stagioni di F1.

Ho già parlato un paio di settimane fa in fabbrica [con Toto Wolff] e ad un certo punto ci metteremo a sedere e parleremo. È un processo abbastanza facile per noi. Abbiamo già qualcosa di grande in atto e si tratta solo di ampliarlo, migliorarlo, lavorare su cosa io posso fare di più per loro, sponsors, marchio e viceversa.

Un nuovo contratto potrebbe legarlo alla Mercedes almeno fino alla fine del 2020 anno in cui compirà 35 anni. In quello stesso anno si esauriranno i contratti di Max Verstappen con la Red Bull e di Vettel con la Ferrari.