La prossima Mercedes Classe A sarà presentata ufficialmente al Salone dell’Auto di Ginevra 2018, secondo quanto riportato da Autocar.

La nuova Mercedes Classe A, avvistata, camuffata, anche di recente in Germania, sarà 10 mm più lunga e potrà contare su un nuovo pavimento e nuovo corpo struttura che offriranno significativi aumenti della rigidità torsionale.

Le portiere posteriori saranno più grandi per facilitare ingresso ed uscita dei passeggeri. Anche la capacità del bagagliaio sarà superiore ai 341 litri del modello attuale.

RINNOVAMENTO — L’architettura usata per la nuova Classe A sarà la MFA (modular front architecture) che prevede all’anteriore l’utilizzo di sospensioni MacPherson, e multi-link, al posteriore.

Sarà disponibile ovviamente la funzione che consente al conducente di modificare le caratteristiche dello sterzo, mappatura del motore, cambio, etc.

L’abitacolo sarà più spazioso e presenterà un cruscotto tutto nuovo. I rivestimenti saranno di qualità, nuova sarà la strumentazione digitale come anche il sistema di infointrattenimento.

Rinnovati saranno anche il volante con controlli touchpad, i sedili sportivi, ed i sistemi di assistenza alla guida di ultima generazione: a tal proposito si parla anche di guida autonoma di secondo livello.

MOTORIZZAZIONI — I rinnovati motori saranno a benzina e diesel e più efficienti in generale. Farà parte della partita anche il nuovo benzina M282 sviluppato in collaborazione con la Renault. Sarà il motore del modello entry-level: un 1.4 L.

In ballo ci sarebbe anche una versione da 1.2 L di questo motore ma bisogna ancora capire se finirà sotto i cofani delle Mercedes o solamente delle Renault.

Il motore a benzina di livello superiore è quello con nome in codice M260, da 1.6 L a 2.0 L. Nella forma più potente, questo motore sarà dotato di un generatore a cinghia capace di operare come un mild hybrid. Non mancherà un sistema elettrico a 48 volt.

Quasi dimenticavo: non mancherà la pompatissima versione A 45 accreditata di 400 CV (minimo).

I diesels dovrebbero essere tutti da 2.0 L di cilindrata (motore OM654). È in programma anche una versione plug-in hybrid capace di rivaleggiare con la VW Golf GTE. I dettagli sono scarsi ma ci si aspetta che il motore termico possa essere una versione 1.4 L del M282 4 cilindri a benzina. Il cambio associato probabilmente sarà il DCT a 9 rapporti.

Autocar riporta che l’autonomia della vettura in modalità tutta elettrica dovrebbe raggiungere le 31 miglia (circa 50 km).

Per quanto concerne la trasmissione, il cambio sarà il tradizionale manuale a sei marce ed il 7 marce DCT a doppia frizione. La trazione standard sarà anteriore, ma i modelli più prestazionali disporranno della trazione integrale 4Matic.

Subscribe
Notificami

* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments