Da ieri, lunedì 4 maggio, Porsche ha riavviato la produzione nei suoi stabilimenti di Zuffenhausen e Lipsia. Si tratta di un avvio graduale. Il rientro scaglionato dei dipendenti è stato naturalmente anticipato dai vari adeguamenti che tengono conto delle prescrizioni imposte dalle rispettive autorità competenti.

Le misure di sicurezza adottate agevolano una ripresa ordinata ed efficiente della produzione. Inevitabile sarà il mantenimento della distanza di 1,5 metri tra colleghi. Un’altra misura in determinate aree impone l’uso della mascherina sul viso durante il lavoro. Vi ricordo che Porsche ha recentemente aumentato il budget da destinare a dispositivi di protezione, portandolo a 5 milioni di euro.

La Casa di Stoccarda aveva sospeso la produzione lo scorso 21 marzo per una durata di due settimane. L’interruzione si è protratta poi per 6 settimane a causa dell’interruzione delle forniture globali. Nel frattempo la modalità di “lavoro da remoto” per i ruoli aziendali proseguirà nei limiti del consentito. I dipendenti, inoltre, non possono ancora viaggiare.

Anche in Italia, da ieri, sono aperti nuovamente gli uffici centrali di Padova e i centri Porsche che garantiscono ovviamente tutti i protocollo di sicurezza previsti. Infine, Porsche sollecita i clienti a telefonare preventivamente per fissare un appuntamento.

Subscribe
Notificami

* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments