Lancia Delta Futurista è un bellissimo progetto messo in campo da Eugenio Amos di Automobili Amos consistito nel restauro e nell’aggiornamento di una Lancia Delta Integrale del 1989, una sportiva mitica che tutti noi adoriamo. Tutti.

Gli interventi, perfettamente calibrati, del restauro riguardano sia la carrozzeria che l’abitacolo senza tralasciare l’aspetto legato alla meccanica. In ogni caso, tutto è stato realizzato nel segno dell’essenzialità di una vettura iconica del passato tanto amata ancora oggi.

Prima di tutto è bene dare qualche dato ufficiale di questo progetto: la Lancia Delta Futurista pesa 1.250 kg mentre i cavalli erogati dal suo motore sono 330. Il costo è stato fissato in circa 300.000 Euro. Infine, saranno restaurati ben 20 esemplari così, 20 capolavori.

Gli interventi
Innanzitutto, ora i fari anteriori e posteriori sono a LED mentre la carrozzeria presenta molte componenti in carbonio (fra cui paraurti, parafango, calandra e cofango anteriori, minigonne, paraurti posteriore e alettone) ed in metallo (cerniere, serrature, supporti specchietti, varie griglie. In acciaio sono i rinforzi scocca “GruppoA”, la Roll-cage, le fiancate ed i passaruota posteriori.

Ulteriori interventi riguardano le sospensioni, l’elettronica, il cambio originale che è stato rinforzato, l’albero motore revisionato mentre il motore ha accolto il kit potenziamento motore by Autotecnica. Maggiorati sono anche il radiatore dell’olio, l’intercooler, il radiatore dell’acqua e l’impianto di scarico.

L’abitacolo accoglie bellissimi sedili Recaro mentre i piccoli sedili posteriori sono originali.

Cliccando qui, potete consultare e/o scaricare il PDF con tutti gli interventi ricevuti dalla LDF.

Riporto infine le parole meravigliose e cariche di passione di Eugenio Amos che spiega il perché di questo progetto:

Be’ quest’auto per me significa molto. È la mia visione romantica in un mondo troppo asettico, troppo veloce, che corre superficiale ed intangibile come il vento. Quest’auto significa che mi sono stufato del mondo dell’automobile prima come cliente che come costruttore.

Ho scelto la Delta perchè è l’auto che mi ha fatto innamorare delle auto.

A me manca un mondo, forse idealizzato, in cui c’erano l’uomo, i valori e la sostanza al centro del prodotto. Quindi la mia auto è pura, analogica, grezza ed essenziale. È servito tanto lavoro, da parte di persone estremamente talentuose, per eliminare tutto il superfluo e portare alla luce solo ciò che conta davvero per me.

Ho scelto la Delta perchè è l’auto che mi ha fatto innamorare delle auto. Avevo 7 anni. E mio papà aveva una splendida Giallo Ginestra. Io non so perchè ma mi sentivo speciale. Quei ricordi sono fatti di odori, di tatto morbido d’Alcantara, di suoni confusi. Questo cerco in un auto. Questo offro. Offro ciò che mi piace. Anche se è fine a se stesso o apparentemente inutile.

Aggiungo solamente: parole sante, parole sante!

 

Lascia un commento