Finalmente dopo due anni e mezzo di lavoro, la FIA e la Formula 1 hanno rivelato la direzione che i regolamenti della disciplina prenderanno dalla F1 2021 in poi. Sulla carta, i nuovi regolamenti, ratificati dal World Motor Sport Council, mirano a rendere la Formula 1 più equilibrata e combattuta sotto il profilo della concorrenza. Oltre all’ottenimento di vantaggi economici, un altro obiettivo era quello della sostenibilità finanziaria.

Aerodinamica e finanza

Quindi, dal 2021 in poi, le nuove auto offriranno battaglie più intense per lo spettacolo in virtù di una nuova filosofia di costruzione (ampia carrozzeria, ala anteriore semplificata, ala posteriore maggiorata, più aerodinamica sottoscocca, sospensioni semplificate, gomme a basso profilo con cerchi da 18 pollici, etc).

Con il design del 2021, le monoposto perderanno solamente tra il 5 ed il 10% del carico aerodinamico stando dietro ad un’altra vettura contro il 40% ed oltre di adesso. Questo si traduce in una maggiore possibilità, per i piloti che seguono in scia, di battagliare e di superare.

Per quanto concerne invece l’aspetto finanziario, il tetto di spesa massimo fissato è di 175 milioni di dollari per scuderia, ogni anno, applicabile a tutto tranne ai costi di marketing, ai salari dei piloti e alle prime 3 figure del personale.

Le auto

Innanzitutto, i nuovi regolamenti limitano il numero di aggiornamenti aerodinamici da portare in pista nel fine-settimana e durante tutta la stagione. Una novità di rilievo è rappresentata dall’introduzione di alcune componenti standardizzate, come, per esempio, la pompa del carburante.

Le power unit rimangono inalterate ma dal 2021 il sistema di scarico sarà incluso nella lista dei componenti della PU limitati nel numero durante la stagione. Ciò significa che, dopo la sesta sostituzione dello scarico, si incapperà in una penalità. Le monoposto peseranno 25 kg in più a causa delle nuove gomme, del telaio modificato e delle parti standardizzate. All’inizio dunque le monoposto saranno più lente di quelle attuali. Anche la conformazione del cambio sarà sottoposta a vincoli stringenti. Le termocoperte resteranno almeno nel biennio 2021-22, seppur con restrizioni.

I fine-settimana di gara

La struttura cambierà leggermente mentre il calendario verrà allungato fino ad un massimo di 25 gran premi. La tradizionale conferenza stampa pre-gara del giovedì passerà al venerdì prima delle sessioni di libere mentre le auto si troveranno nelle condizioni di parco chiuso dall’inizio della terza sessione di libere.

Lascia un commento