2019 GP Giappone, la partenza - Foto: Mercedes AMG Petronas

La Fia ha approvato una nuova riduzione dei costi per le scuderie di F1 in vista della stagione di F1 2021. Le novità riguardano anche le nuove norme per i test aerodinamici approvate a seguito del voto espresso dal World Motor Sport Council, mercoledì scorso.

Un limite di spesa in precedenza era già stato concordato e stabilito in 175 milioni di dollari per il 2021. Adesso, tuttavia, questa cifra è stata ridotta a 145 milioni di dollari destinati poi a scendere ulteriormente negli anni successivi.

Questo “tappo” al budget ulteriore è stato aggiunto come risposta alla pandemia di Covid-19 che ha fiaccato, e non poco, anche le finanze di tutte le scuderie di Formula 1.

L’altra novità riguarda lo sviluppo in galleria del vento. In base all’accordo, più una scuderia terminerà la stagione nella parte bassa della classifica Costruttori, più essa potrà sviluppare la vettura in galleria del vento per la stagione successiva. Si spera che questa mossa potrà un po’ equilibrare le varie forze in campo.

Le altre novità riguarderanno il taglio di una parte del fondo della monoposto per ridurre la deportanza. Inoltre, un certo numero di componenti tra cui telaio e cambio sono stati congelati per il biennio 2020-2021. Un sistema a gettoni limiterà il numero di modifiche. Dalla prossima stagione, ciascun motorista dovrà affrontare una limitazione al numero di aggiornamenti sulla power unit. Il peso minimo aumenterà di 3 kg, per il 2021, salendo fino a 749 kg. Infine, si prevede che per il 2020 gli eventi potranno essere classificati come “aperti” o “chiusi” come conseguenza dell’epidemia di Coronavirus.

Subscribe
Notificami

* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments