Palazzo ENI a Roma :: Foto Eni
0
(0)

Eni e BASF hanno deciso di sviluppare insieme una tecnologia sostenibile per produrre bio-propanolo da scarti industriali. Questa tecnologia in corso di sviluppo prevede la conversione di glicerina in propanolo tramite un processo di idrotrattamento catalitico innovativo.

Il propanolo ottenuto può essere aggiunto direttamente come componente bio nella formulazione di carburanti. L’aspetto molto interessante riguarda le proprietà chimico-fisiche di questo bio-propanolo, di gran lunga migliori rispetto al convenzionale bio-etanolo.

Questo bio-propanolo risulta essere un componente di grande valore nella formulazione di benzine premium. Inoltre, esso può potenzialmente ridurre le emissioni di gas serra in una percentuale compresa tra il 65 e il 75% rispetto ai carburanti fossili.

Ti ha gasato questo articolo?

Clicca sulla stella per giudicarlo!

Rating medio 0 / 5. Conteggio voti: 0

Ancora nessun voto! Daaai, vota tu per primo!

Precedente articoloF1 GP Ungheria 2021, Qualifiche: zampata Hamilton, doppietta Mercedes
Prossimo articoloF1 Ungheria 2021: Bottas e Stroll rivoluzionano tutto, vince Ocon, Sainz 3°!
Sono un Divulgatore ignorante. Ignoro quasi tutto. Scrivere di auto è liberatorio per me. L'automobile è Piacere, Passione, Libertà. Mi piacciono Marche di auto ben precise quali Porsche, Audi, Mercedes, Lamborghini. Aborro l'auto che guiderà da sola. Credo nell'Amore e nella Passione travolgenti.
Subscribe
Notificami

* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments