Menu
A+ A A-

1 Aprile

Papa Francesco telefona a sorpresa ad Alonso: "Come ti senti?"


Non è la prima volta e non sarà l'ultima. Papa Francesco ha telefonato nuovamente, a sorpresa, contattando ieri sera il pilota di Formula 1, Fernando Alonso che si trova ancora a Melbourne nell'attesa di trasferirsi in Cina dove il prossimo 9 aprile si disputerà il secondo GP della stagione 2017.

LA PICCOLEZZA DEI CAVALLI — Stando alle indiscrezioni, la telefonata è stata molto cordiale ed è durata tra i 6 e i 66 secondi. Papa Bergoglio ha cercato di risollevare il morale del pilota della McLaren fiaccato da anni di tribolazioni causate principalmente dalla pochezza della PU Honda. "Ciao Fernando, come ti senti? Mi raccomando, stai lontano dalla piccolezza: in questo mondo dove si adorano tanto i cavalli, che la Pasqua ti aiuti a non pensare ai cavalli che hanno capovolto i veri valori cristiani. Cerca di non invidiare chi ha più cavalli di te ma pensa piuttosto che esiste anche la bicicletta," ha detto Papa Francesco.

ALONSO — Fernando è rimasto molto commosso e colpito dalla vicinanza di Papa Bergoglio. Una telefonata che gli ha rinvigorito la motivazione di restare in F1 almeno fino a fine stagione nonostante i guai incontrati dal motore Honda anche nel 2017.

L'ERRORE — La sala stampa del Vaticano ha però confermato questa mattina che Papa Bergoglio ha telefonato per errore a Fernando Alonso. In realtà, il Papa voleva chiamare la signora Fernanda Alfonsa, 98 anni, di Melbourne, italiana emigrata là, con la famiglia, da 85 anni e costretta a letto da una malattia invalidante. Il direttore della sala stampa vaticana, Greg Burke, ha ammesso l'errore: il numero dell'hotel dove risiede Alonso è diverso nell'ultima cifra rispetto a quello della signora Alfonsa sarà contattata probabilmente stasera o al massimo, domani. Il Papa è stato informato dello scambio di persona 6 secondi prima della telefonata con Alonso.

Add a comment

F1, Ecclestone dà l'OK: si farà il GP del Vaticano dentro l'Attico di Bertone


Il Gran Premio di F1 in Vaticano è ormai realtà perché il boss della FOM, Bernie Ecclestone ha dato il via libera all'operazione. Il GP del Vaticano entrerà ufficialmente nel calendario della F1 a partire dalla prossima stagione (2017) e si ipotizza già che la data dovrebbe avvicinarsi, per ovvi motivi, a quella del Gran Premio d'Italia (sempre che ci sarà ancora il Gran Premio d'Italia...). 

Il circuito verrà allestito all'interno dell'Attico del Cardinale Tarcisio Bertone che ha dato la sua disponibilità ad ospitare l'evento. Sala stampa e centro medico del circuito saranno allestiti presso l'Aula Nervi. 

Inizieranno ora ulteriori lavori all'interno dell'Attico di Bertone che riguarderanno soprattutto l'asfaltatura, il posizionamento dei cordoli e l'allestimento della struttura dei box. 

Papa Francesco, appassionato di sport, ha dato il via libera all'operazione che sarà finanziata in gran parte dallo IOR. Ecclestone ha preteso infatti i soliti 25 milioni di euro all'anno e qualche manciata di rosari profumati. 
Il contratto firmato non scade mai. Trattasi infatti di un contratto eterno

Il ruolo dei commissari di corsa sarà ricoperto dal personale dell'Unitalsi, sapientemente selezionato. 

Add a comment

Teletubbies sono diventati nuovo main sponsor della Mclaren-Honda F1

Finalmente la McLaren ha il suo main sponsor in F1. Il team di Woking potrà infatti esibire sulle fiancate delle monoposto ma anche sulle tute dei piloti e dei meccanici il celebre marchio dei Teletubbies, nome dei protagonisti della popolarissima serie televisiva creata dalla BBC per i bambini in età prescolare. 

La sponsorizzazione è di durata pluriennale. Si parla di 25 milioni di euro a stagione per 50 stagioni di F1. L'accordo prevede anche che le immagini dei singoli personaggi Teletubbies (Tinky Winky, Dipsy, Laa-Laa, e Po) compaiano sulla carrozzeria (ad esempio, sulle pance laterali, sull'ala anteriore e su quella posteriore senza dimenticare il cofano motore). 

I meccanici indosseranno delle tute rotondeggianti con tanto di antenna sulla testa dotata di Wifi, proprio come i Teletubbies. I piloti, per ovvi motivi, non indosseranno queste particolari tute perché altrimenti non riuscirebbero ad entrare nella monoposto. 

Ron Dennis, il boss della McLaren-Honda, ha dichiarato: "Finalmente ecco il main sponsor che aspettavamo da tempo. Con le risorse provenienti da questo accordo la McLaren potrà tornare entro 2 anni a lottare per il titolo mondiale."

Fernando Alonso: "Ho sempre creduto nelle potenzialità della McLaren e questo accordo mi fa sognare il terzo titolo mondiale ad occhi aperti. Mi piacciono molto i colori dei Teletubbies."

Add a comment

Clamoroso! Alonso torna alla Ferrari. Biennale 2017-2018


La notizia ha del clamoroso. Fernando Alonso, costretto a saltare il Gran Premio del Bahrain per le conseguenze avute in seguito al botto di Melbourne (pneumotorace e costole rotte), tornerà a guidare per la Ferrari nella stagione 2017 di Formula 1. 

È lo stesso pilota spagnolo ad aver confermato la notizia dal Bahrain: il contratto firmato è un biennale (2017-208) con opzione per il terzo anno. Fernando cercherà così di conquistare il terzo titolo mondiale con il Cavallino, visto che sembra impossibile che possa raggiungere questo obiettivo quest'anno con la McLaren

"Sono emozionato e molto contento di tornare a far parte della grande famiglia Ferrari. La Ferrari è magica, rappresenta l'essenza della F1, è la storia della F1. Chiuderò la mia carriera a Maranello e spero di farlo con il terzo titolo in tasca. Vettel? Un gran pilota, gran lavoratore, lavoreremo bene insieme perché la squadra viene prima di tutto," ha dichiarato Alonso alla stampa spagnola.

Voci dal paddock dicono che Sebastian Vettel non abbia per niente fatto i salti di gioia alla notizia del ritorno di Alonso alla Ferrari. Le stesse voci dicono che Vettel avrebbe preferito dividere il box ancora una volta con lo stagionato Kimi.

Add a comment

Questo sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti per mostrare pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information