Condividi
La partenza, Vettel già minacciato

Lewis Hamilton è ormai definitivamente lanciato in orbita verso il suo quarto titolo mondiale e ormai nessuno, temo, potrà più recuperarlo.

Con oggi è praticamente finita: il britannico ha vinto il Gran Premio del Giappone che per lui conta come il 61esimo successo in carriera.

Ma il fatto più rilevante è che Sebastian Vettel è stato costretto al ritiro fin da subito per la rottura di una candela.

Lewis Hamilton ha così allungato nel mondiale, portando il suo vantaggio sul tedesco a 59 punti.

Mondiale Piloti:

POS PILOTA PUNTI
1 Lewis Hamilton 306
2 Sebastian Vettel 247
3 Valtteri Bottas 234
4 Daniel Ricciardo 192
5 Kimi Raikkonen 148
6 Max Verstappen 111
7 Sergio Perez 82
8 Esteban Ocon 65
9 Carlos Sainz 48
10 Nico Hulkenberg 34
11 Felipe Massa 34
12 Lance Stroll 32
13 Romain Grosjean 28
14 Kevin Magnussen 15
15 Stoffel Vandoorne 13
16 Fernando Alonso 10
17 Jolyon Palmer 8
18 Pascal Wehrlein 5
19 Daniil Kvyat 4
20 Marcus Ericsson 0
21 Antonio Giovinazzi 0
22 Pierre Gasly 0

MONDIALE FINITO — Cinquantanove punti di vantaggio, con sole 4 gare dalla fine del mondiale, sono un macigno mostruoso. Per ribaltare la soluzione ci vorrebbe un miracolo grande quanto l’Everest.

Lewis Hamilton potrebbe diventare campione già nel prossimo GP degli USA ad Austin dove si aggiudicò il terzo titolo due anni fa.

Mondiale Costruttori:

POS SCUDERIA PUNTI
1 Mercedes 540
2 Ferrari 395
3 Red Bull/Renault 303
4 Force India/Mercedes 147
5 Williams/Mercedes 66
6 Toro Rosso/Renault 52
7 Haas/Ferrari 43
8 Renault 42
9 McLaren/Honda 23
10 Sauber/Ferrari 5

RED BULL PIMPANTI — Hamilton non è mai stato insidiato da nessuno anche se Max Verstappen proprio all’ultimo aveva ricucito il suo svantaggio fino a 3 decimi, dimostrando che la Red Bull è in un ottimo stato di forma.

Daniel Ricciardo è riuscito a difendere il terzo gradino del podio dal ritorno di Valtteri Bottas, quarto alla fine. Kimi Räikkönen ha compiuto una rimontina, risalendo fino alla quinta posizione. Vi ricordo che doveva scontare una penalità sulla griglia.

Esteban Ocon e Sergio Pérez hanno portato punti pesanti alla Force India con gli ottimi piazzamenti odierni. Completano la top 10 i due piloti Haas e Felipe Massa che negli ultimi giri ha respinto gli assalti dell’ex compagno di scuderia alla Ferrari, Fernando Alonso.

A proposito dello spagnolo della McLaren, c’è da dire che gli è stata affibbiata una penalità consistente di due punti sulla sua super licenza più reprimenda per non aver rispettato le bandiere blu.

Alonso è recidivo: anche domenica scorsa aveva un po’ ostacolato Vettel ma nei suo confronti non erano stati presi provvedimenti.